essere donna non è un gioco da ragazzi


Gli uomini ci appellano spesso a “complicate” e sinceramente non posso dare loro torto. Insomma, ammettiamolo, ci facciamo una serie di pippe mentali che potremmo farci un’impresa di pippe, talmente tante pippe che gli uomini ci fanno una pippa. Però non posso esimermi dal giustificarci, perchè cazzo dai, non è che la nostra esistenza sia proprio così semplice e lineare! Ci sono aspetti della vita delle donne che nessun uomo potrà mai capire, perchè mai vivrà le stesse situazioni. Che culo, aggiungerei. Con questo post mi rivolgo agli uomini per far capire loro cosa significa avere la vagina. E anche a tutte quelle donne che si sentono “strane” e non comprese. Siamo tutte sulla stessa fottuta barca.

Innanzitutto mi scuso per l’assenza, non sono una che pubblica ogni giorno ma devo ammettere che ‘sto giro mi sono fatta desiderare. Tra le ferie, i casini a lavoro, il sesso sfrenato e i kg presi nelle vacanze da smaltire col sesso sfrenato, non ho calcolato molto il blog, ma rieccomi qui, più scribacchina che mai! Partiamo da i punti più comuni delle donne:

La depilazione & le sue conseguenze

La donna si depila tutta. Nel 2016 non troverete mai una donna con i peli sul pube. Vagina anni 80? Più rara che mai (anche se ahimè mi capita di vedere che ancora è in voga, per alcune, tipo quelle che perdono il pelo riccio sulla tavoletta del cesso). Essere tutta glabra nelle parti intime oggi è sinonimo di sensualità, di arrapamento precose e di fortissima igiene. Ma ci sono dei “ma” a questa scelta. Se prima la donna faceva pipì in maniera esemplare, seduta sul cesso con la sua fantastica traettoria lineare, senza goccioline e schizzi come gli uomini, oggi è la fiera del “vado dove cazzo mi pare“. Quando si urina in assenza di peli, essa prende direzioni inaspettate: l’interno coscia, le chiappe, le tavolette, i pavimenti (se si urina nei bagni pubblici si sta accucciate senza sedersi, come ben sapete) creando fortissimi disagi. Ci si deve pulire non solo “” ma anche tutte le altre parti del corpo colpite dall’anarchico schizzo. Questo comporta irritazione, disgusto e nervosismo. Non c’è niente da fare, non siamo padrone della nostra vagina, fa come le pare.

donna-in-bagno

Il ciclo mestruale & l’istinto suicida

Questa ormai è quasi una leggenda, uomini e donne sanno perfettamente cosa accade quando si ha l’ovulazione da ciclo. Ma se un uomo potesse sentire, anche solo per un istante, cosa succede nel corpo e nella testa di una donna durante il ciclo, credo si sparerebbe tra i coglioni. L’ovulazione può partire anche 15 giorni prima, il che comporta che ti gonfi come una stronza, la pancia si espande e ti senti grassa che più grassa non si può. E dato che la donna si sente grassa tutto il fottuto anno, durante questo periodo potrebbe guardare “vite al limite” e sentirsi meno sola. L’umore si stravolge, le sensazioni predominanti sono: angoscia pura (si sente sempre sotto cospirazione mondiale), ansia (le tremano le gambe anche solo se deve fare la lista della spesa, terrorizzata di non ricordare qualcosa), acutizzazione degli eventi (se le si rompe un unghia è capace di mettersi in infortunio dal lavoro) e tristezza acuta (potrebbe piangere a dirotto anche se le mettono il cacao sul cappuccio quando ha chiesto la cannella). Tutto questo porta a stati mentali compromessi a tal punto che chiunque penserebbe sia il caso di un ricovero. Ma nessuno può capire le donne se non le donne stesse.

donne-ciclo-640x320

Lo shopping come terapia & il circolo vizioso

La donna compra. Lo fa per colmare vuoti, lo fa per sentirsi più bella, lo fa per passare il tempo e per sdrammatizzare uno stato emotivo alterato (vedi ciclo mestruale). Il problema è che in questo modo la donna si trova spesso senza soldi prima del prossimo stipendio (quindi si aziona l’effetto che aveva portato allo shopping, la tristezza e l’impotenza), si sommerge l’armadio di vestiti accorgendosi di avere comprato doppioni (quindi sarà costretta a tornare allo stesso negozio per il cambio e comprare altre cose che innescheranno quando già scritto), si accorge inesorabilmente di un paio di kg presi perchè la roba non le va bene (quindi si sentirà frustrata e grassa, come già scritto) e soprattutto si renderà conto di avere buchi di cellulite come se non ci fosse un domani grazie ai fantastici specchi dei camerini di tutti i negozi (fari proiettati senza senso su ogni imperfezione umana). Comprare fa bene alle donne, è una vera e propria terapia, peccato che il circolo vizioso è inevitabile.

Woman standing in bedroom pulling on jeans, rear view

Il make up & l’afa estiva

Si sa, le donne vogliono essere belle. Esistono quelle “acqua e sapone” e beate loro, aggiungerei. Ma le donne che si truccano sono la maggioranza. Queste persone vivono di make up, ci impiegano anche ore per farsi belle, è un rito più che una necessità, è come se in quel momento le loro insicurezze svanissero. Si truccano per fare la spesa, si truccano per andare a fare un giro, si truccano per la sera, si truccano per il giorno, si truccano per un appuntamento galante, si truccano anche d’estate. Ed ecco che qui parte la tortura. Essere belle e in ordine è una regola ferrea ma nel periodo estivo le donne soffrono: la pelle dopo due ore diventa lucida che sembrano statue di cera, devono portarsi dietro cleenex, ciprie tamponanti d’ultima generazione, specchi per controllare che le sopracciglia siano ancora al loro posto (ogni riferimento a me stessa è puramente casuale), e tanta tanta pazienza. Il caldo le uccide, i pori urlano vendetta, si squagliano come neve al sole ma non mollano! Non molleranno mai. Purtroppo per il fidanzato non sarà molto romantico, i suoi vestiti saranno perennemente lerci di fondotinta: non abbracciarla!

ec5cd_Trucco-labbra-estate-2016-Rossetti-sheer-dal-finish-lucido

Qui mi fermo. Penso possa bastare per comprendere che la vita delle donne non è una passeggiata. Tralasciando il famoso tasto del “parto” che è anche inutile menzionarlo, la donna è nata per soffrire e nella sofferenza si acutizzano atteggiamenti e comportamenti agli occhi dell’altro sesso insensati e indecifrabili. Abbiate pazienza, cari uomini, perchè sotto sotto le donne sono creature più semplici di quello che pensate. Basterebbe togliere tutti questi aspetti, dare un pò di schiuma da barba e lasciarle lì, davanti alla partita a scolarsi una menabrea in santa pace. Dai, su, che scherzo!

11 commenti

Archiviato in donne

Temptation Island e le cose che non sai sull’amore


Come tutti gli anni mi appresto a guardare Temptation Island e tutte le volte mi ritrovo davanti alla tv a smadonnare. E’ un pò come se ci fossi io lì, come se quelle donne rappresentassero tutte le donne d’Italia. E immancabilmente non mi ci riconosco. Che poi è tutto da vedere: da innamorate si fanno tante cazzate. Allora penso che perdonare un uomo che, se invece di fargliela annusare, gliela concedevano, lui se la prendeva, sia una cosa che non va fatta! Non si può. Eppure succede questo, a Temptation Island. Ma facciamo un pò di ordine.

temptation-island-2016-coppie-in-gara_734817

Le coppie sono 6, come sempre. Gli uomini sembrano manichini, come sempre. Le donne sono delle veline mancate con una bella dose di castelli in aria, come sempre. Loro pensano davvero di rafforzare i loro rapporti, lì dentro. Loro imparano a conoscere i loro “uomini“, lì dentro. E come sempre c’è solo da dire: non ci siamo. Quest’anno, come tutti gli anni, abbiamo una coppia di “uomini e donne“, che stanno insieme da ieri ma che urlano a gran voce “non me lo sarei mai aspettato“. Poi abbiamo la convinta di turno, quella che “Davide, devi avere paura” e poi piange fino a consumarsi la faccia perchè ha visto il suo uomo palpare il culo a una che il culo le parla. Ci sono le coppie secolari, sono insieme da 100 anni ma guarda caso i loro maschi sono già sotto per altre sbarbate, dopo 4 ore di programma, “appena finisce vengo a trovarti a Frosolone, dove vivi tu“.

temptation-island-1217.jpg

Queste coppie vengono separate e dopo 10 minuti le ragazze sono sui letti di morte a piangere. “Mi manca da morire” dicono, “non ce la faccio senza di lui” dicono, “se fa lo scemo con qualcuna l’ammazzo” dicono. E poi il falò è sempre un ritrovo di disperazione e corna, ma loro “aspettiamo“. Io mi chiedo, ma che cazzo, dici davvero? Ma sul serio lui è arrivato al limite e tu sei ancora lì? E loro? Tutto un “mi hai cambiato la vita, con te ho capito che c’è qualcosa che non va, nel mio rapporto“. E nonostante le loro fidanzate sentano queste parole, “voglio vedere fino a che punto arriva“. Eh tesoro, arriva che glielo puccia a Frosolone.

index222

E poi c’è lei che appena entrata nel suo villaggio era uno strofinare unico, con lui che “sei così intelligente, amo sentire quello dici“, con lui che “non ti posso guardare, fammene andare“, con lui che “il nostro legame è forte, io fuori di qui ti vedrò ancora“, con lui che “con te ho imparato cos’è la pazienza, cos’è il rispetto e che devo pensare prima di parlare“. Figa, e a 30 anni ci voleva il palestrato di Temptation Island per insegnarti a vivere? Io spero che non ci credi manco te, Rihanna de noantri! E il suo fidanzato è sicuramento il più grande bluff della storia del programma. Ma davvero “non lo so se l’ho mai amata” quando 15 minuti prima volevi staccarti la testa dal collo per non vederla che pomiciava con “guarda come mi trombo la tua donna”? Ci è cascata solo lei, quindi bravo. Credo di non aver visto così tanto mascara colato in vita mia, quella donna ci è davvero rimasta di merda, lei è l’emblema del “chi la fa l’aspetti“.

georgette-temptation-island

Ma i migliori, i trofei dell’anno, sono loro: Flavio e Roberto. Il primo che se cade di testa parte in scivolata fino a Frosolone, tanta gelatina ha sulla capocchia. L’altro che se gli levi la barba si manifesta in tutta la sua sfiga, con quella faccia da perdente che come gli piazzi un 12 kg di culo in fronte gli prende la labirintite e pende da un lato. Loro hanno palesemente manifestato interesse verso altre due, loro avrebbero pagato per strofinare il naso su tutta quella roba, loro hanno messo platealmente in discussione 6/7 anni di relazione per un paio di bionde dalla condotta rigorosamente bionda“. E poi, alla resa dei conti? “Ti ho sempre pensata, in quei momenti“. Ma a chi? Non ho mai visto un uomo aggrapparsi agli specchi come questo qua, che ovviamente scivolava, è troppo unto. L’altro ancora non ha avuto modo di confrontarsi ma lui è più scaltro. Lui è “amore non guardare i filmati, lasciami più tempo, potresti fraintendere ma io devo togliermi tutti i dubbi, non sono ancora convinto“.

temptation-island-2016-luca-e-maria-rita-al-confronto-finale-si-lasciano_786147

E lei “aspetta“. E loro diventano cervi consapevoli. E li perdonano, sempre. Perchè le donne innamorate non ammetteranno mai di essere facilmente sostituibili, che una vagina può tutto, in amore e in guerra. Auguro loro, per l’ultima puntata in onda martedi prossimo, di avere tante serate da fare e soldini da guadagnare, perchè di dignità ne è rimasta molto poca. E saluto Mariarita, che è stata la prima e l’apripista di una lunga serie di “imbecilli con le corna“.

3 commenti

Archiviato in tv trash

vademecum per la sbronza


Non tutti sanno reggere la sbronza. E non parlo di cosa il proprio corpo ci permette, ma come gestire una sbronza è roba da maestri. Partiamo dal concetto che sono una che si sbronza spesso e in diverse occasione ho affrontato situazioni, diciamo, non facili. E’ che quando la ciucca sale perdo ogni filtro e, soprattutto, ho l’abilità di parlare lasciando che la lingua resti a riposo. Indipendentemente da come dici le cose, il succo sta nel saper controllare l’euforia che l’alcol genera, o qualsiasi cosa farai/dirai sarà usata contro di te, il giorno dopo. Se sei con uno del sesso opposto (mediamente carino) non dimenticare di tenere a bada gli ormoni, non dimenticare che ti sei lasciata l’altro ieri e c’è ancora un mergine di recupero, non dimenticare che non ti sei depilata. Pochi consigli per non trovarti in situazioni davvero imbarazzanti ed intricate.

sbornia

Io mi diverto molto, da sbronza. E’ anche un grande alibi il più delle volte. In quante innumerevoli occasioni ho tirato fuori la frase “eh ma dai, sono sbronza“. E tutto mi viene perdonato o non viene dato peso. Ma ahimè la “storta” è un canale molto anarchico dove far uscire le proprie emozioni e i propri pensieri, spesso reali e profondi. Purtroppo però si condiscono a molto alcol e vengono espressi in maniera distorta e oltremodo enfatizzata. Quindi: ti sta sul cazzo quello? Diventerà satana e abbonderà in ogni tuo discorso della serata. Attenzione quando parlate. Io, da sbronza, accavallo le parole e la persona davanti a me, che ormai sa, riesce a comporre come un cruciverba tutto ciò che vorrei dire. Inoltre rido, rido come una bionda sobria, le frasi spesso le lascio a metà, il finale lo mimo, ridendo. Attenzione alla linea. Mangio molto, da sbronza. Direi che i chili che ho preso sono quasi tutti dovuti all’alcol, ma si sa: bisogna assorbire. Quindi mangiate molti carboidrati quando alzate il gomito.

Drunkoressia-donne

Quando sono sbronza non ho il freno delle bugie. Se sei brutto, te lo dico. Se sei antipatico, te lo dico. E intendo che la dico davvero, ogni cosa. Se sono sbronza io e tu no, bevo di più, fino a che non capisco proprio un cazzo. Perchè, diciamocelo, bere da soli è atroce. Ti senti imbecille, pazzo, contento solo tu. Davanti a te la persona è imbarazzata ed il suo unico impegno è comprendere quello che vuoi dire. Ma così si perde il divertimento. Essere sbronzi significa non capire niente, agire e basta. Lingua per parlare, corpo per muoverti e serotonina in quantità. Da sbronza io non controllo la rabbia, per esempio. Se mi parli di qualcosa che mi infastidisce io divento un tomo di parolacce. Ma l’abilità arriva qui. Mai andare oltre. Devi bere sempre mantenendo quello spazietto dove il tuo cervello ancora elabora e gestisce tutti i tuoi movimenti e pensieri in maniera calibrata.

Anche se faccio fatica mi impegno. Non muovo troppo le mani, cerco di camminare dritta e quando sento che la frase sta uscendo dalla mia bocca sotto forma di verso, io faccio un velocissimo reset del cervello e parlo piano, molto piano. Considera sempre chi hai di fronte, se è qualcuno di collegato ad altre persone che ti stanno sulle palle, non parlare di loro, nemmeno per scherzo. Da sbronza io non mi freno, se inizio, la cascata di parole ti sommergerà e lì lo stop diventa impossibile. Quindi non farlo, non parlare, ascolta e bevi. Affronta argomenti neutri e invita la persona con te a bere, sempre di più. Qualsiasi cosa poi dirai, se l’altro o gli altri sono sbronzi come te, sarà dimenticata quindi potrai togliere ogni cazzo di freno e parlare e ridere fino a scoppiare.

image_resize.php

Non scendere mai di gradi, non prendere un cocktail e dopo una birra. Sali sempre, prima la birra poi il cocktail. Se bevi vino continua col vino, al massimo poi concediti un amaro. Non mischiare gli alcolici: no vodka e poi rum, se bevi gin continua col gin etc etc. Mischiare ti fa sboccare e così ti perdi il vero gusto della sbronza. Non ci si deve stortare per stare male, ma arrivare fino al punto dove le inibizioni si sciolgono e fermarsi. Quindi bevi lentamente, non fare quello che beve come un pazzo. Consigliata la cannuccia per i superalcolici, sale più in fretta e risparmi un pò di soldi. Quando arrivi al tuo livello di controllo moderato, lasciati andare ma attenzione: la sbronza ti fa pomiciare alla grande. Non dimenticarti mai, e poi mai, che con te c’è Gerardo, il tuo amico cesso delle medie.

Concludo con: non metterti alla guida quando bevi.
Un pò di senno ancora ce l’ho.

 

2 commenti

Archiviato in nevrosi collettiva