cosa fai capodanno?


Ma che cazzo te ne frega? Ma basta con questa domanda, ogni fottuto anno! Come se questo giorno di merda dovesse essere osannato. Ma anche no. Capodanno è un giorno che mi fa pensare “che ansia“. E il cenone, e dove lo fai, e andiamo al concerto in piazza, ma no che ti tirano le bottiglie in testa, e chi scopa a capodanno scopa tutto l’anno, ma non dirne più che l’ultima volta mi è venuta la candida, e la brasiliana rossa di pizzo trasparente, che poi te le regala la fidanzata e ti ha preso una seconda e tu hai la quarta, e ti domandi se in realtà voleva farti fare il cotechino per il cenone.

Tutti gli anni la stessa storia, ti ritrovi a dover rispondere, con quell’espressione da ebete, “eh… non lo so ancora“. E parte il “ma comeeee?“. Ma come sto cazzo, coglione! E ti vergogni quando ti rendi conto che non hai voglia di fare nulla, che la cena da amici è il massimo che la tua energia ti concede. E più gli anni passano più ti accorgi che da che andavi in discoteca come una pazza a fare i numeri sulla colonna ionica posta al centro, a che ti sei ridotta a fare le tartine col salmone insieme alla tua amica. Ma a te sta bene così, ma che cazzo te ne frega di andare a fare baldoria? All’una sei già a letto che dormi.

hangover-cures-myth-vs-fact-L-_Nhzod

Se fosse per me non uscirei. Mi pianterei davanti ad un bel film, con una bottiglia di spumante vicino al letto, qualche salatino e il rutto libero. E non devi depilarti, e non devi farti bella, e non devi urlare “buon anno” come se poi fosse buono davvero. E soprattutto non devi uscire con la macchina sperando che non venga lanciata una lavatrice dal balcone di qualcuno. Per le strade si ubriacano, stanno a guardare i fuochi d’artificio a teste alzate e ridono e urlano e incitano, poi abbassano la testa e vomitano sulle scarpe di qualche cretina che s’è messa pure le Prada per l’evento.

atmilano_brindisi_capodanno_2015

Quest’anno festeggerò con due amiche e la mia compagna. Sarà carino, lo so. L’intimità della casa, il calore di qualcosa di semplice, l’abbuffo senza pensare che sono a dieta e che domani mi pentirò, il brindisi che sicuramente per me sarà “ma vaffanculo il capodanno!” e il ricordo che esattamente un anno fa incontravo la donna che oggi amo immensamente. Proprio la notte di capodanno. Ma non indosserò mai quelle cazzo di mutande che mi hai preso, amore. Andiamo a cambiarle insieme, e mi prendi quelle di cotone con babbo natale stilizzato sul culo. Prometti?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in il popolo e la vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...