le verità nascoste delle donne


Noi, donne. Siamo creature complicate, contorte, strane. Le nostre sfaccettature non si possono contare. Ma c’è qualcosa che accomuna tutte le donne del mondo ed è un comportamento adottato dalla maggior parte di noi per un meccanismo psicologico estremamente femminile: apparire. Ciò che vedono gli altri è di gran lunga più importante di ciò che siamo davvero, perché le donne vogliono piacere a tutti i costi. In una relazione, con gli amici, nel mondo esterno.

Così succede che in un locale durante un happy hour, davanti al contenitore delle patatine, la donna le prende con la punta delle dita e le porta alle labbra con una soave armonia che ti incanti. Mastica con delicatezza, ingoia che quasi non te ne accorgi. E sorride. Beatamente. Non c’è un residuo sul suo viso, nemmeno una cazzo di briciola. E se per disgrazia dovesse sporcarsi le mani, lei tira fuori l’amuchina dalla borsa e sempre sorridendo si pulisce. A casa, il contenitore diventa magicamente un’insalatiera. Le mani sono immerse nelle patatine, unte e sgraziate, ravanano, ravanano e quando le portano alla bocca in quantità industriali, perlopiù si ficcano dentro le narici, si spezzettano sulle lenzuola, e nulla. Se ne frega. Mastica a bocca aperta, annaffia tutto con un litro di cocacola, ingoia e poi rutta.

Quando fa l’amore la donna sospira, si umetta le labbra, geme dolcemente e muove il proprio corpo come una danza idilliaca. L’uomo la guarda e lei chiude gli occhi, socchiude la bocca, porta le mani al viso, si accarezza e gode. Il suono della sua voce è una canzone. Le sue mani si liberano nell’aria come farfalle. Le parole che pronuncia sono sensuali, carezzevoli e lui la vede come un angelo. Una volta finito di fare l’amore, la donna sospira e si accoccola sotto l’ascella di lui, in posizione fetale, trattenendo la pancia. A casa, quando è da sola e si masturba, la sua faccia si smostra. Rantola, tira su parolacce, le mani si muovono con violenza e maldestramente. Il suo corpo si muove che sembra l’esorcista. Ha gli occhi sbarrati e la bocca piegata in una smorfia imbarazzante. Appena finito si alza, cammina nuda per la casa, cerca una birra, si accende una sigaretta, si siede sul letto a gambe aperte e poi rutta.

Quando la donna va a cena con un uomo è sempre ben vestita, sale in auto e si infila la cintura come se fosse una fusciacca. Al ristorante tiene le gambe accavallate, sorride il giusto, scuote la testa se le si fanno complimenti, portando la mano alla bocca, come dire “dai… che mi imbarazzo“. Beve il vino dal bicchiere appoggiando appena le labbra, lo sorseggia come se fosse il nettare divino. Si muove sulla sedia come se pesasse 20 kg. Mangia poco e nulla e lo fa masticando lentamente, pezzettino per pezzettino. A casa la donna quando cena con le amiche, cucina la lasagna. Tira fuori la teglia e la sbatte sul tavolo. “Bella ragaaaaa, minchia che famazzaaaa“. Si fionda sul piatto come un animale a digiuno da giorni. Parla di sesso, pompini, bevute e baldoria. Si mette scalza sul tavolo e lo sparecchia a calci. Alla fine saluta tutte, chiude la porta di casa e poi rutta.

La donna che dorme con un uomo è bellissima. Si mette sul letto come se fosse una piuma, si adagia in una posizione e la mantiene per tutta la notte (praticamente non dorme). Non emette un suono, respira a malapena. La posa che assume è sempre bellissima da guardare, soave e soprattutto nasconde pancia e glutei cadenti. Non si alza a fare pipì nemmeno sotto tortura. Al mattino prima che lui si svegli, si apre la chioma sul cuscino, mette il gloss che ha tenuto sotto il materasso tutto il tempo, socchiude le morbide labbra e lascerà che i suoni emessi dalla sua bocca siano un’orchestra sinfonica. Lui resterà estasiato da cotanta meraviglia. Ma lei, la stessa lei, a casa dorme come se non ci fosse un domani, russa, rantola che nemmeno il vecchio del bocciodromo, indossa il bite sui denti e sbava come un lama, si muove come un cavallo indomito distruggendo tutte le lenzuola, quando si alza per pisciare spinge talmente tanto per farla in fretta che scatta la scoreggia. La posizione che assume ricorda molto l’esorcismo di Emily Rose. Al mattino si alza che le è scoppiato un petardo in testa, cammina scalza, fa colazione, beve mezzo litro d’acqua e poi rutta.

Questa è la donna, questa è la sua vera bellezza.

Annunci

7 commenti

Archiviato in donne

7 risposte a “le verità nascoste delle donne

  1. Adoro queste donne così versatili, che si adattano ad ogni occasione. Ma ti posso assicurare che anche noi maschietti non scherziamo. Eva che dire? Favolosa come sempre.

  2. Lamberto

    Mi piace lo stesso!

  3. è tutto molto vero, sì.

  4. Alice

    Tutto talmente vero da essere disarmante.
    Non ricordo l’ultima volta che ho dormito con un uomo ma ricordo quella con una donna…il tentativo di risultare ancora più perfetta è stato al limite dell’imbarazzo.
    Ah le donne! Una delizia, sempre e comunque.

  5. Ti ho trovato per caso sul web e sento di adorarti già. Hai una lettrice in più!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...