deliri di un cuore impazzito


Ci sono tante cose che oggi farei, gridare per esempio. Urlerei fino ad arrivare dove voglio arrivare, per ricordare chi sono. Passa il tempo e mi accorgo di non biasimare più. Di comprendere che è del tutto normale se qualcuno che hai perso, oggi, ti osserva distanziandosi dal cuore. Se mi guardo da fuori mi accorgo che una bella persona non lo sono forse mai stata. Mi sono illusa di aver compiuto gesti eroici, gettando il mio cuore nelle mani di qualcuno. Si chiama fiducia. Non ho mai pensato, nemmeno un secondo, che potesse accadere. Che mi si pensasse come una persona detestabile, vomitevole, disgregata. Ma anche io mi sono osservata. E non è poi così sbagliata la visione che si ha di me. Ma è questo maledetto disegno che è sbagliato. Totalmente fasullo. Credo di aver fatto molte cose per distruggere questo disegno, per farlo in mille pezzi. Perchè ad oggi mi interessa solo questo. Nel tempo ho pensato di aver dimostrato quanto la mia vita fosse in realtà una vita in comune. Non c’era nulla che non avrei fatto per questo, per viverlo sempre. Sono spesso stata la persona forte, quella fredda, quella che prevaricava. Nulla di più sbagliato. La vita mi ha sempre dimostrato questa stupida teoria, dove l’immune dalle emozioni, apparentemente distante, sia colui che vince. Non si vince mai un cazzo. Sono quelle le persone che perdono. Tutto ciò che ho fatto non aveva alle spalle alcuna strategia. Ho reagito alla vita così come mi è venuto, istintivamente, con la voglia pazzesca di vivere. Perchè ogni giorno mi sembrava di morire. Mi dispiace se ad oggi io venga ricordata come una specie di pantomima riuscita male. Mi dispiace che gli anni dedicati e accarezzati come se fossero un tesoro inestimabile siano svaniti. Ma non per me. Non c’è stato un solo istante che non ho avvertito quel buco nero dentro. E dopo mesi e mesi e mesi ancora mi sento di cadere. Io non ho mai finto. Nemmeno dopo, quando il destino mi ha regalato un sorriso. Perchè non ci sarebbe stato nulla che mi avrebbe riportato indietro. Nulla che mi avrebbe fatto dire “è solo un brutto sogno”. Fanculo, io non sono affatto forte. Sono tutte cazzate. E non sono nemmeno cattiva. Ho accettato la mia realtà, arrabbiandomi col mondo. Ho allontanato da me ciò che poteva ferirmi, perchè più di così non potevo star male. Non era giusto. Così penso che ci sono mille parole che oggi urlerei. Una su tutte “non ho mai finto”. E’ un tatuaggio sulla pelle, è indelebile e doloroso. Brucia sotto, dentro. Il ricordo e l’amarezza che non dovevo essere punita due volte. Si fa quel che si può, no? Ci si adegua, si volta pagina, si cerca una ragione per non pensare che la vita finisce così. Non è possibile. Deve andare avanti. E se andare avanti significa fingere, comportarsi male, rendersi irriconoscibili, allora ben venga. Ma non è la verità. Ogni giorno che passa è uno stillicidio tremendo. Perchè se solo si sapesse quanto dolore porto dentro, quanti pensieri maledetti, quanta voglia di scappare. Forse si potrebbe guardare una fotografia con un mezzo sorriso, pensando che è stato il più bel periodo della nostra vita. A dispetto di chi invece oggi lo ripudia, lo vede sbiadito e lontano, lo pensa sbagliato e sopravvalutato, io lo accarezzo e lo ricordo con un amore incommensurabile. Perchè è proprio su quello che io sto andando avanti. Non l’ho dimenticato. E non lo dimenticherò mai. Questo mi rende vincente, null’altro.

Advertisements

6 commenti

Archiviato in l'amore e le sue conseguenze

6 risposte a “deliri di un cuore impazzito

  1. Maicol

    Mi dispiace. E vorrei darti un abbraccio sgradito che non ti servirebbe ma lo farei. Mi auguro il meglio, per te.

  2. Max

    Perchè la gente con l’armatura più forte, costruita con attenzione per proteggersi, per essere intoccabile, per resistere, è quella che soffre di più quando l’armatura va in pezzi. Il ferro della resistenza e della protezione ti buca la pelle ed il cuore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...