l’avvento di Ask e l’esigenza di essere qualcuno


Ma qualcuno di cosa? Qualcuno, punto. Quel qualcuno che solitamente non si è nella vita reale, anche se su questo potrei discorrere per ore. Cosa significa essere “qualcuno“? Il concetto è ampio ma per chi si iscrive su Ask, o su altre piattaforme/vetrine, esserlo non vuol dire altro che ottenere attenzione. Da perfetti sconosciuti, ovviamente. Ecco qual’è il mio pensiero in proposito.

Sul web è molto semplice costruirsi un “personaggio” e trovo che non sia per niente nocivo. Attraverso l’inventiva e la creatività si può trasmettere qualcosa di interessante, scrivendo, facendo video, fotografando (Belèn ci insegna) etc. etc. Ma il danno si presenta quando si cerca di ottenere gratificazioni e lodi per il nulla, solo per sé stessi, per ciò che si è. Vuoi a livello estetico, vuoi per talenti inventati, vuoi per l’immagine che ci si è costruiti nel tempo. Ci si sforza in maniera costante, giorno dopo giorno, ora dopo ora e, vi assicuro, minuto dopo minuto, di plasmarsi a ciò che questi sconosciuti ti fanno credere di essere e non si è. L’obiettivo dovrebbe essere diventarlo? Non è possibile, quando si possiedono carte vincenti non è necessario cercare conferme dall’esterno, soprattutto da un esterno che di te non sa assolutamente nulla.

Vorrei soffermarmi su Ask e alcuni suoi personaggi. Ammetto di non conoscere molto il sito in questione se non per sommi capi. Pare che su questa piattaforma ci si metta a disposizione di tutti, lasciando che anonimi e non chiedano quello che desiderano. Potrebbe anche essere un’idea geniale, insomma, loro chiedono, noi rispondiamo. Un pò come essere dall’analista. Quante cose potremmo scoprire di noi? Peccato che le domande, per lo più, si fermino a quesiti da perfetti cerebrolesi che, ahimè, si conformano moltissimo con chi la domanda la riceve. Come si dice? Ognuno ha quel che si merita?

Escludendo tutte le persone che del sito ne fanno un uso più o meno “positivo” e che si limita a rispondere e tener conto di domande sensate (per quanto non siano mai abbastanza sensate, secondo me), la mia attenzione, tempo fa, si è focalizzata su un soggetto in particolare. Volevo scrivere un pezzo a riguardo  e ho quindi passato mezzoretta a leggere e capire come interagiva un individuo “tipo” su Ask e la mia reazione è stata di completo “sbigottimento“. Cerco di essere chiara, per quanto mi è possibile, perchè la faccenda non è limpida per niente, ma proviamo. In questa pagina in particolare si assiste ad una serie di domande e considerazioni atte a informare la persona in questione di essere invaghiti/attratti da lei. E fin qui, potrebbe anche essere naturale, insomma, se posso “corteggiare” in incognito, perchè no? Peccato che il 90% di questi commenti siano sgrammaticati, privi di un senso logico/temporale, inverosimili, rasenti la fantascienza.

Questi commenti erano una serie di dichiarazioni, a mio avviso, non veritiere, probabilmente scritte da minori (sotto i 12) che ancora non hanno idea che il mondo sia di forma sferica (perchè se fossero stati dotati di neuroni formati, allora mi rattristerei per il futuro della nuova generazione). Mi domando, ma possibile che delle ragazzine o dei ragazzini che ancora non riescono a scrivere una frase di senso compiuto, possano accedere a sti siti e affermare di voler passare una notte di fuoco con qualcuno? Non lo so e per questo motivo il mio dubbio è che spesso queste domande non siano reali, che a scriverle siano direttamente i proprietari del profilo o amici degli stessi. Per quale motivo? Per accrescere la loro “notorietà” e puntare ad innalzare il grado di fascino che i soggetti pensano di avere. Peccato che, innanzitutto, non scrivano in italiano corretto e che, soprattutto, diano di sé, a chi ha un cervello, un’immagine priva di spessore, praticamente rasoterra. Può forse essere credibile o interessante un soggetto che addirittura incita e alimenta la curiosità e l’interesse di persone che scrivono “ti prego mi mandi un bacino con un video, ti prego ti prego, tu sei così bello, ti ho anche sognato stanotte, eravamo su un unicorno e volavamo alti nel cielo iihhihi scherzo però sarebbe bello, no?(inventata da me, ma siamo a sti livelli)? Voi credete che sia possibile trovarlo anche lontanamente affascinante? Io no.

Ask darebbe la possibilità di mettersi a nudo, senza vergogne né timori ma Ask viene utilizzato come strumento per incanalare frustrazioni, soprattutto. La frustrazione di chi fa sfoggio di sè come l’esempio riportato, e di chi è invidiato e detestato per il solo fatto di essere “popolare” in rete. Ecco perchè su Ask rischi di essere insultato, calunniato, preso in giro. Quale miglior sistema per sfogare le proprie ire su queste persone, che per meriti più o meno condivisibili, hanno notorietà? Se sei particolare (esteticamente) o se condividi cose che la gente sostiene, se riesci a farti stimare attraverso un veicolo così effimero è per due semplicissime ragioni: un pò sei figo ed il fascino non si inventa, oppure tante persone hanno pensieri analoghi, semplicemente non amano “mettersi in mostra” quindi si rispecchiano in te e attraverso te dicono la loro. L’egocentrismo non sempre è esibizionismo, non tutti i “popolari” sono finti o costruiti. Sicuramente più sciolti, nella vita reale quante cose ci frenano? Innumerevoli. Ma l’uso improprio di questa “rilassatezza” nel mettersi in gioco non deve sfiorare il ridicolo. E su Ask, purtroppo, ce ne sono tanti.

Parlo di chi, come sopra, insiste nel volersi tronfiare per considerazioni assurde e per niente gratificanti (appagante è bel altro) riguardo il suo modo di vestire, il suo modo di approcciare con il partner, il suo modo di allacciarsi le scarpe etc. etc. e chi, invece, tartassa la gente con impropri ed insulti di vario genere. Devo però aggiungere che spesso questi insulti sono diretti a persone che hanno fatto di sè un icona da idolatrare per qualità, triste lo so, che riguardano solo la sua fisicità o il suo presunto carisma. L’insulto non è mai costruttivo, lo so, ma certe persone te li tirano fuori. L’essere umano è arrabbiato e frustrato di natura, come resistere alla tentazione di poter dire liberamente che sei un coglione e che tutta sto carisma che ti attribuiscono, se ti incontro, è del tutto inesistente? Si lo so, i termini a volte sono diversi ma il succo resta lo stesso.

Concludo con un’ultima considerazione. Su Ask come su moltissimi siti di questo genere, sappiate che chi vi fa domande o vi insulta, è vicino, molto vicino a voi. Guardatevi le spalle, amici, perchè sarebbe dura  scoprire che a scrivervi “sei un cesso, muori, sparatiiii” è l’amica con cui quella sera hai un aperitivo.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in (a)social network

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...