Archivi del mese: settembre 2012

quelle che arriva il pisello e non le rivedi più


Leggendo un tweet, mi pare ieri, mi sono sentita ispirata, molto ispirata. Un argomento che mi sta a cuore più di tutti, quello relativo alla donna che si fidanza. Perché è una categoria molto ridondante, perché a tutte noi è capitato di avere un’amica che ha fatto quel che fa la specie sopra citata. Ma vorrei penetrare (uso appropriato di verbi) nell’argomento per far capire di cosa vado cianciando.

Io amo pensare che si tratti di una vera e propria patologia, quella che colpisce il 90% delle donne. A differenza della specie maschile le femmine sono abituate ad avere la cosidetta “migliore amica”, quella con cui passa l’infanzia o che conosce a scuola, quella con cui fa le prime esperienze, le prime cazzate, quella con cui fuma l’erba per la prima volta oppure quella che gliela la lecca mentre sua madre non c’è… ops, no questa è un’altra categoria! In ogni caso non è inusuale che una donna stia spesso e volentieri con persone del suo stesso sesso. Le amiche sono fondamentali nel corso della vita e soprattutto di crescita. Così tutte noi abbiamo avuto o abbiamo tuttora l’amica del cuore.

Ma a prescindere dall’intensità del rapporto con l’amica, la donna che si fidanza, compie la stessa, bastardissima mossa. Quale? Quella di sparire. Bene, approfondisco. La tipa in questione vive un rapporto quasi di simbiosi con te, a volte è meno assillante, altre di assoluta alchimia. Ha sempre paura di litigare con te, è accondiscendente e disponibile. Ovviamente parlo della maggior parte di loro, spesso le donne in questione sono apparentemente “normali”. Bene, quando arriva il cazzo di turno (volevo essere riassuntiva, ma intendo l’uomo giusto, con una casa, un lavoro, una macchina, un cane, un gatto, un conto in banca e un cazzo) loro si dissolvono nell’aria. Non sai più dove sono, cosa fanno, dove vivono, come si chiamano. Evaporano.

All’inizio sembrerà normale, in fondo si sa, bisogna coltivare l’orticello per far crescere i frutti. Quindi non ci si allarma mai. Poi però provi a chiamarla e lei è sempre più di fretta: “scusa tesoro mio ma Gigi sta arrivando e lui oooooooooodia che lo si faccia aspettare, sai gli uomini!”. E tu capirai. Poi proverai a proporle un cinema e lei “ti dispiace se viene Gigi???” e tu capirai. Poi proverai ad andarla a prendere a lavoro per farle una sorpresa ma troverai lei allarmata “tesoro mio ma perché non mi hai avvisata? Sta arrivando Gigi che partiamo per il week end!!!” (ed è mercoledì) e tu capirai. Poi finalmente le strappi un aperitivo ma nel bel mezzo arriva una telefonata e lei “Gigi amore? Ma davvero, corro subito! Scusa tesoro mio ma la madre di Gigi ha avuto un attacco di emorroidi fulminante, devo andare da lui!” e tu capirai.

Capirai, perché non sapevi, non potevi conoscere così a fondo la tua amica. Quella che non aveva una relazione manco a pagare. Quella che non se la inculava nessuno. Quella dalle storie una botta e via e mai un cane che la richiamasse. Non potevi sapere che quando si sarebbe fidanzata seriamente lei ti avrebbe cestinato. La donna di questo tipo non ce la fa a mantenere più rapporti impegnativi. E’ una donna rigida, che non conosce le mezze misure. E’ una donna che ha un po’ tanta voglia di cazzo… ops, no questa è un’altra categoria!

Non pensare mai che sia stata insincera con te o non ti abbia voluto realmente bene. E’ patologico, nemmeno loro se ne rendono conto! Son capaci nel bel mezzo del matrimonio con Gigi di sbarrare gli occhi, guardarsi in giro ed esclamare “cazzo, ma la Maria Luisa non l’ho invitata!”, e Maria Luisa saresti te.

C’è solo una sottospecie di questo tipo di donna che va eliminata, presa a ginocchiate sui denti, azzannata alle mammelle: quella che quando si molla ti bussa alla porta, tu apri e lei “ma che fine hai fattoooooooooo?”.

24 commenti

Archiviato in donne